lunedì 14 gennaio 2008

vento calmo


il cielo sembra
come sempre acquietarsi
verso sera
come un maestro di parole
che ricorda
di smorzare l'inquietudine delle onde
di soffiare il peso dei pensieri
e soprattutto di quelli,
che molesti,
non sembrano aprire orizzonti..
sta lì ad ogni sguardo
a respirare calmo
tendendo l'azzurro fin dove
anche il cuore più distratto
lo può raggiungere...
mi guardo in questa nuova piega del gioco
e sottile mi dico:
io sono un lieto finale

3 commenti:

Gelato al limon ha detto...

peccato... fosse stato un finale con moto, ci avresti potuto fare almeno un giro.

radha ha detto...

quello era andante con moto...eppure credo che avresti preferito il finale col botto...eh eh

versolibero ha detto...

sto esplorando
sono un verso libero di roma
che ha scoperto i blog
per via dell'associazione
e poi ne ha creato uno piccolo suo

esplorami
ti esploro
piacere
giuseppe